Dal Blog

Tutte le ultime novità legate al mondo del riscaldamento…

La pulizia quotidiana di stufe a pellet e legna

La combustione delle stufe a pellet è più efficiente e crea in generale poca cenere, specie quando si utilizza pellet certificato, ma questo non le esime dalla necessità di una pulizia frequente.

Se hai in casa una stufa a pellet o a legna, oppure hai intenzione di comprarne una, devi sapere che la pulizia quotidiana è indispensabile perché ti assicura:

  • una stufa efficiente, che lascia pochissimo residuo perché brucia tutto, o quasi, il combustibile facendoti risparmiare
  • una stufa sicura per te e per i tuoi cari
  • il piacere della visione perfetta della fiamma
  • una stufa in grado di valorizzare lo stile della tua abitazione

In sostanza pulire adeguatamente una stufa ti permetterà di consumare meno combustibile e far durare a lungo e rendere più sicuro il tuo impianto di riscaldamento.

Ricordati di seguire sempre le indicazioni date dal costruttore – di solito contenute nel libretto delle istruzioni – e che la manutenzione annuale della stufa a pellet o a legna va eseguita esclusivamente da personale tecnico.

Pulizia stufa a pellet: come e quando

Se ti stai chiedendo come pulire una stufa, iniziamo con una doverosa premessa.
Tutte le operazioni di installazione, pulizia e manutenzione della stufa vanno effettuate a fuoco spento, con l’apparecchio completamente freddo e con il cavo dell’alimentazione elettrica, presente sul prodotto e/o in eventuali accessori installati, scollegato.
Si tratta di una condizione indispensabile che va verificata prima di effettuare qualunque intervento. Chiarito questo aspetto, procediamo con la pulizia della stufa.
Se la tua stufa è sprovvista del pulsante “pulizia automatica” o se comunque non ti soddisfa del tutto, ecco i principali interventi che puoi effettuare per facilitare la pulizia della stufa:

Chi ha diritto al bonus e per quali lavori


Il superbonus, spiega il sottosegretario, potranno usarlo tutte le famiglie per lavori svolti nella prima casa e nei condomini fatturati dal primo luglio 2020 al 31 dicembre 2021 (qui trovate tutte le info su come potrebbe funzionare e chi ne avrebbe diritto).

Dovrebbero essere coperti dall’incentivo tutti i lavori già previsti per l’ecobonus e il sismabonus, con l’aggiunta di due tipologie importanti: il fotovoltaico e l’acquisto di accumulatori e colonnine di ricarica per auto elettriche.

Per il credito d’imposta al 110% nelle intenzioni di Fraccaro si applicheranno gli attuali limiti di detrazione o di spesa previsti per le varie tipologie di intervento. E per accedere al superbonus il Governo assicura grande rigore: “I lavori devono essere certificati da un tecnico abilitato responsabile penalmente”.

Il pellet si è oramai affermato prepotentemente nel mercato dei combustibili ecologici, grazie al suo altissimo livello di economicità. Il pellet, infatti, oltre a contribuire alla salvaguardia dell’ambiente, influisce notevolmente e positivamente sulle tasche degli italiani: riscaldare gli ambienti con il pellet conviene.

Grazie alle detrazioni fiscali per gli interventi di miglioria energetica, le stufe a pellet, le caldaie e i caminetti, sono diventati gli elementi più gettonati nell’edilizia moderna, sostituendo i vecchi impianti di riscaldamento a combustibili fossili.

Il boom del pellet, ha dato vita ad una crescente domanda, soddisfatta da un’offerta, talvolta, poco omogenea e di indubbia qualità. Per sapersi destreggiare in mezzo alla moltitudine di pellet offerta, è necessario conoscere a fondo le caratteristiche del pellet di qualità, al fine di scegliere un prodotto ottimale

Continua a leggere

Open chat
1
Salve cosa possiamo fare per voi ?